cerca
Social

1 dicembre 2006
La Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia informa che nella Sezione "I CONTRIBUTI / I Settori di intervento" è disponibile il Documento Programmatico Previsionale dell'attività della Fondazione per il prossimo esercizio 2007 approvato il 30 ottobre 2006 dal Consiglio di Indirizzo.
Il Consiglio di Indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, presieduto dall’avv. Franco Obizzi, nella seduta del 30 ottobre u.s. ha approvato il Documento Programmatico Previsionale per l’esercizio 2007.Sulla base della previsione di quasi 8 milioni di euro di avanzo dell’esercizio 2006, una volta effettuati gli accantonamenti di legge, risultano pari a euro 4.725.000 – gli stessi del 2006 -  i Fondi per le erogazioni 2007 a cui vanno aggiunti euro 417.000 per il volontariato, portando così a 5,142 milioni di euro le risorse complessivamente disponibili per l’attività istituzionale.Ai cinque settori rilevanti andranno complessivamente l’88,25% delle risorse (38% al settore dell’Arte, 20,60% all’Educazione, 12,20% rispettivamente al Volontariato e allo Sviluppo Locale e 5,25% alla Salute pubblica), mentre l’11,75% sarà destinato ai settori non rilevanti (5,25% alla Crescita e Formazione giovanile, 4,50% alla Ricerca e 2% alla Protezione e  Qualità ambientale). Da tenere presente che 477.000 euro, corrispondenti al 10,10% della disponibilità complessiva, risultano già impegnati per progetti pluriennali di competenza del prossimo esercizio.Entro la metà del 2007 la Fondazione potrà inoltre disporre della nuova sede di via Carducci, attualmente in corso di ristrutturazione, con un investimento complessivo di circa 6 milioni di euro, e prenderà quindi avvio la gestione del Polo Culturale che comprenderà un’ampia sala espositiva, una sala convegni ed una moderna Biblioteca-Archivio aperta agli studiosi. Sarà così possibile allestire mostre di grande rilievo che costituiranno un’attrazione anche turistica per tutto il territorio isontino, oltre a valorizzare il patrimonio artistico acquisito in questi anni dalla Fondazione. Il Documento Programmatico, oltre a definire per la Fondazione un ruolo sempre più attivo nella scelta delle iniziative da finanziare, attraverso una selezione delle stesse ed un attento monitoraggio dei risultati, indica le seguenti priorità ed indirizzi operativi:- nel Settore Arte, Attività e beni culturali, disponibilità di euro 1.795.500: sostenere progetti di recupero e valorizzazione di beni storico-artistici, incentivare le attività culturali in particolare a carattere teatrale e musicale, e le iniziative artistiche anche a carattere transfrontaliero, riproponendo il Programma Musei e Gallerie d’Arte, il Programma Restauri, il Programma Ricerche, Archivi e Biblioteche, il Programma Teatri, Musica e Folklore;- nel Settore Educazione, Istruzione e Formazione, euro 973.350: incentivare il supporto alle iniziative del Polo Universitario di Gorizia che abbiano una effettiva ricaduta didattica e territoriale, sviluppare specifici progetti in favore del mondo scolastico e riproporre il Programma Istruzione  (Lingue, Informatica e Sostegno scolastico);- nel settore Volontariato, filantropia e beneficenza, euro 576.450: garantire particolare sostegno ad iniziative riguardanti famiglie, disabili, persone svantaggiate, categorie sociali più deboli, nuove povertà, anche attraverso la partecipazione ai Piani di Zona, l’acquisizione di ambulanze e mezzi di trasporto per ammalati e disabili e la riproposizione del Programma Solidarietà;- nel Settore Sviluppo Locale ed Edilizia Popolare locale, euro 576.450: contribuire, in collaborazione con altri enti, alla realizzazione di progetti anche pluriennali che favoriscano lo sviluppo socio-economico della comunità isontina, anche con la messa a disposizione di strutture stabili;- nel settore Salute Pubblica, Medicina Preventiva e Riabilitativa, euro 248.063: favorire l’acquisizione di attrezzature sanitarie ed il potenziamento dell’attività di prevenzione delle malattie più diffuse nel territorio isontino e dei relativi interventi riabilitativi;- nel Settore Crescita e Formazione Giovanile, euro 248.063: offrire sostegno ai progetti delle associazioni sportive e ricreative locali e delle varie agenzie educative per una completa crescita dei giovani e prevenire ed alleviare situazioni di disagio giovanile;- nel Settore Ricerca Scientifica e Tecnologica, euro 212.625: potenziare e incentivare, anche mediante la messa a disposizione  di borse di studio e lavoro per neo-laureati e ricercatori, l’avvio di qualificati progetti di ricerca con specifiche ricadute a livello locale;- nel Settore Protezione e Qualità Ambientale, euro 94.500: finanziare interventi mirati alla tutela e valorizzazione degli ambienti naturali locali, l’educazione ambientale e l’assistenza e protezione degli animali.La Fondazione si conferma così come ente profondamente radicato nella comunità locale, che segue con costante attenzione i bisogni e le istanze espresse dal territorio provinciale - che si rivelano in continua crescita sia come numero che come rilevanza – a cui cerca di dare tutte le risposte possibili: da ricordare che nel 2006 sono già stati deliberati oltre 550 interventi per oltre 4 milioni di euro.